Monthly Archives: May 2013

Chata umaita

Mak, trzy razy zmielony, orzechy i miód.

Barszcz z uszkami; pierogi. Chata umaita.

Teraz nie ma nicość dostępu, ona nie zna

wcale tej piosenki, którą śpiewam jej na złość.

.

Cukierki na choince oraz trzej królowie

pod stołem. Są takie przepisy, których

nawet nicość nie potrafi przepisać swoim

niesympatycznym atramentem, są takie piosenki,

.

których nawet nicość nie potrafi zaśpiewać

swoim strasznym głosem, bydłu chata

przyzwoita, a to jeszcze źle pokryta. Są takie

prezenty, których nawet nicość nie może opakować,

.

są takie sny, które nie śpią nigdy.

.

grudzień 2000,

.

Tomasz Różycki, Wiersze, Lampa i Iskra Boża, Warszawa 2004

Advertisements
Tagged

Ale, co to za śniadanie!

Colazione à la Katulki

                                                           20130513-125911.jpg

Le parole sono sue, di Zbigniew Herbert, uno dei nostri poeti preferiti e son parole che compaiono subito, nella prima pagina del ”Barbaro in giardino”, quando sta per parlare delle grotte straordinarie di Lascaux, nella cittadina di Montignac, dove ”non c’è niente da vedere oltre alla targa commemorativa in onore d’una benemerita ostetrica: Ici vécut Mme Marie Martel – sage-femme – officier d’Académie. Sa vie a été de faire le bien. Sa joie d’accomplir son devoir.” Prima ancora di recarsi alle grotte, però, il viaggiatore che è sì un barbaro, ma è anche un uomo con le proprie sante e terrene priorità, decide di placare innanzitutti i morsi della fame. ”Colazione in un piccolo ristorante, ma che colazione! Omelète al tartufo. Il tartufo appartiene alla storia delle follie umane, e pertanto alla storia dell’arte”.

A Berlino non disponiamo purtroppo di tartufi, e peccato, perché il tartufo è uno dei sapori più buoni che ci siano. Il tartufo zittisce, tanto è forte, perché parla solo lui. Il tartufo con le uova fresche poi, di mattina, in Francia, dove l’omelète deve esser morbida, ”baveuse” diceva un mio amico cuoco francese che non capiva il perché della nostra frittata. E io ben mi ricordo la, purtroppo, sola omelète al tartufo che ho provato. Ero al matrimonio di un amico, a Alba, e davanti a me passavano trionfi di carni e cacciagioni e bestiame e insomma cadaveri che poveracci loro, per di più ero alla prima gravidanza e tutti quei vini strepitosi che mi portavano e che vedevo passare e che in altre situazioni avrei bevuto incrociando gli occhi e sorridendo estasiata, oddio, nemmeno loro mi aiutavano. Finché il cuoco, preoccupatissimo che il mio vegetarianesimo fosse una malattia che potesse contagiare i suoi altri ospiti, mi soccorse con un gran piatto di uova al tartufo, e io non sentii più nulla, felice di masticare il paradiso. Il tartufo.

A Berlino ci sono altri ”tesori gastronomici”, sempre per citare Herbert. Soprattutto il regno dei Katulki deve conciliare una tradizione italiana, che vorrebbe una colazione dolce, terribilmente insana e zuccherosa, fatta di latte e biscotti, roba che uno prende l’energia per scendere le scale e poi basta e quando ho cercato di spiegarlo alla Pani Justyna, lei, con un vago malcelato sconvolgimento delle sopracciglia mi ha, giustamente, chiesto ”ma che? Non vanno a lavorare in Italia?”. Dolce, dunque à l’italiènne e salata à la polonaise. Salata proprio di insalata, di pane, burro e verdure fresche prese dall’orto. Verdure fresche di stagione, quando ci sono, oppure sottaceto e conservate, se fuori c’è la neve. Però siamo a Berlino, dove le culture si confondono e la cultura culinaria forse più berlinese è quella turca, o forse la cultura culinaria berlinese delle più saporite, ecco, con quel loro fantastico formaggio di capra che si avvicina al twaròg e che quasi sa di Polonia, e se lo si spezzetta poi e si spruzza generosamente di limone aiuta ogni insalata.

Ipotesi, ipotesi. La giornata comincia con la colazione e quindi che sia un’ipotesi, che non ci siano certezze, ma solo colori, ingredienti semplici, possibilmente crudi, e freschi, e allegria.

Per esempio,

20130513-130002.jpg

 

una bell’insalata di cetrioli, di radicchio e di pomodori. Formaggio turco di capra sbriciolato e verdure passate in padella, patate, carote e quant’altro. Per condire una salsa bianca, a base di yogurt salato.

 

Tagged ,

Wieczorne rozmowe – Conversazioni serali

Panienki słuchają radia, i leci piosenka Marylin Monroe. 

– Kobieco! Na kobieco ma być lokal!

– No, tak, kobieco. Na pewno będą tłumy mężczyzn.

Panienki wieczorem prowadzą poważne rozmowe.

 

Le signorine ascoltano la radio, quando arriva una canzone di Marylin Monroe.

– Femminile! Femminile deve essere il locale!

Sì, certo, femminile. Di sicuro arriveranno fiumi di uomini.

Di sera, le signorine conversano molto seriamente.

Poesia, czyli poezja

Prima di tutto hanno rinfrescato la pasta madre. Santa e benedetta pasta madre che tanto è forte che farebbe lievitare anche il marmo, se solo uno avesse la pazienza di polverizzarglielo. Con acqua, a renderla morbida e pastosa e poi farina, per restituirle la consistenza sua, ch’è quella della mamma, perché la mamma è cremosa e buona, evviva la mamma.

20130509-185618.jpg

E quello è stato il primo passo. Dopodiché si sono affacciate le esigenze katulke, ossia, da un lato quelle di un giovane cucciolo di cane ungherese che ha già le zampe dritte e lunghe, ma cresce, cresce e cresce ogni giorno, quindi ha bisogno di calcio. Calcio, al singolare. Per di più il giovanotto ha la pessima abitudine di svegliarsi la mattina tra le cinque e le sei e, sì, va bene alzarsi con lui e portarlo a fare la pipì, va benissimo, ma poi nessuno regge la sua frenetica voglia di giocare, di mordere e di fare gli agguati. Quindi vengono somministrati al pupo deliziosi panini secchi e duri come il tempo li ha resi. Lui è entusiasta e si intrattiene con loro per una mezz’oretta buona, e chi si è svegliato alle cinque prende un libro in mano, si sdraia sul divano e si gode il risveglio. Peccato che giorno dopo giorno i panini siano poi finiti e allora tocca rifarne. Questa volta, siccome quelli che ha mangiato finora erano panini casuali, ecco, questa volta i Katulki si regolano coi suoi bisogni. Il ragazzo cresce, necessita di calcio e quindi le preziose manine della Signora Tina hanno preparato una deliziosa farina di gusci d’uovo. Wow.

20130509-185656.jpg

E quindi l’impasto mammo si è porzionato in due direzioni, i panini calciosi per il giovanotto dai denti a spillo e un bel pane rettangolare per i bipedi di casa.

20130509-185709.jpg 20130509-185717.jpg

Farina, acqua, pasta madre e poesia, per l’appunto.

20130509-185733.jpg

 

– Dove sono i panini per il cane?

– In forno, perché diventino duri come sassi. Disse ella, lapidaria.

Perché anche la Signora Tina, talvolta, lapidaria quanto implacabile, gode dei risvegli all’alba del giovane virgulto ungherese.